Non è un anno per vecchi

23 Feb

Il 2012 rappresenterà una sfida per molte Aziende.

Fino ad oggi i sistemi di produzione e vendita non hanno subito variazioni di sorta e sono diventati così consueti da rendere il procedimento assodato e certo, direi quasi monolitico.
La crisi e le trasformazioni del mercato stanno cambiando questi paradigmi.

L’informatica costituisce uno dei volani di questa trasformazione perché, nella velocità delle modifiche tecnologiche, accelera lo sviluppo misurando, quindi, l’efficienza di un’azienda.
E mentre le aziende cercano di riorganizzarsi al cambiamento contengono o cercano di contenere i costi su tutti i livelli.

La scelta però non è sempre azzeccata: computer obsoleti, mancati aggiornamenti di intere sovrastrutture, diminuzione di assistenza e manutenzione nell’ICT rappresentano un bivio nel quale ci si trova a pensare: perchè rinnovare il parco macchine se comunque funziona grosso modo tutto?

Perchè spendere dei soldi nel test di disaster recovery? Perché continuare quel progetto di consolidamento e virtualizzazione di vecchi sistemi quando possono ancora funzionare per qualche anno ?

Ragionamenti apparentemente corretti e dettati dal buon senso.

Purtroppo c’è un problema. Alcune operazioni di risparmio immediato comportano non solo una perdita di competitività nel breve periodo ma dei costi aggiuntivi nel medio periodo. Non aggiornare i personal computer, esempio piccolo ma significativo, comporta inoltre dei costi di manutenzione più elevati: molti dei nostri clienti hanno ancora postazioni di lavoro con Windows XP. Intervenire su queste macchine obsolete comporta infiniti aggiornamenti, problemi di vulnerabilità e anche perdita di prestazioni.

Il concetto di TCO si manifesta in tutta la sua completezza.

Per TCO si intende il Total Cost Ownership cioè il costo totale di possesso di un dispositivo che comprende oltre al costo di acquisto anche quello di manutenzione.

Quindi la domanda da porsi è questa: il costo di assistenza e manutenzione per avere un dispositivo obsoleto efficiente quanto incide se non si aggiorna, seguendo le tecnologie più avanzate che tendono a ridurre i malfunzionamenti, il dispositivo stesso? Questo vale per pc, server e infrastrutture di rete di qualsiasi complessità.

La velocità tecnologica non è frenesia, cercare di stare al passo con le nuove proposte non è ansia innovativa, ma un è un adattamento necessario a un mercato che sta cambiando.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =