DPS addio! Il governo dà un taglio ai costi delle aziende e riduce i costi informatici sulla sicurezza

24 Feb

Il Documento Programmatico di Sicurezza, DPS appunto, è quel documento da presentare obbligatoriamente assieme al Bilancio d’esercizio da aggiornare annualmente e da consegnare entro il 31 marzo, in cui, secondo la normativa sulla protezione dei dati personali, si deve testimoniare il corretto sistema per il trattamento dei dati sensibili con strumenti elettronici.

 

Oggi, con il DL del 9 febbraio 2012, il decreto sulle semplificazioni e sviluppo, sono state eliminate alcune regole che hanno tolto l’obbligatorietà di redazione del documento, la relazione accompagnatoria del DPS al Bilancio d’esercizio e, solo per alcune aziende, l’autocertificazione che veniva presentata in sostituzione del DPS.

 

Attenzione: Attualmente è ancora in esame al Parlamento per essere convertito in legge, quindi per il momento resta in sospeso se vige effettivamente l’obbligo per il 2011 della redazione e conseguente presentazione del DPS per l’anno 2012 da consegnarsi entro il 31 marzo.

 

In tutti i casi salvo che avvengano modifiche in sede decisionale di governo potremmo dire davvero addio al DPS!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei − cinque =